La Leica IIIb è una macchina fotografica presentata nel 1938 con l’esemplare n° 240.001. È stata costruita per 4 anni, ossia fino al 1941 con l’apparecchio 368.563, in un totale di 32105 esemplari. L’esemplare in mio possesso è stato costruito nel 1939 in 1000 esemplari.

  • Lista Elementi #1
  • Lista Elementi #2
  • Lista Elementi #3
Il Mio Punteggio
Punteggio 87%

Brivio, Giugno 2017

La Leica IIIb è una macchina fotografica presentata nel 1938 con l’esemplare n° 240.001. È stata costruita per 4 anni, ossia fino al 1941 con l’apparecchio 368.563, in un totale di 32105 esemplari. L’esemplare in mio possesso, costruito nel 1939 in 1000 esemplari porta la matricola 321226.

 Caratteristiche

  • Finitura: cromata
  • Bottone di carica
  • Oculari mirino-telemetro accostati
  • Bottone dei tempi lunghi: 1 sec, 1/2, 1/4, 1/8, 1/20 +T
  • Bottone dei tempi brevi: 1/20, 1/30, 1/40, 1/60, 1/100, 1/200, 1/500, 1/1000 +Z (equivale alla posa B)
  • Leva per la correzione diottrica del telemetro
  • Predisposizione per il winder Mooly
  • Occhielli per cinghia: tondi

La Leica IIIb costituisce un ulteriore perfezionamento del precedente modello IIIa. La prima modifica esterna osservabile è agli oculari del mirino e del telemetro, che nella IIIb sono racchiusi in una cornicetta, consentendo, così, un più rapido passaggio da uno all’altro. Per ottenere ciò, è stato rivisto completamente l’ottica del sistema telemetrico (cosa che ha implicato l’aumentare di 1 mm l’altezza della calotta), e la levetta di correzione diottrica è stata trasferita in posizione coassiale al bottone estraibile di riavvolgimento. L’altra modifica esterna è costituita dalla slitta porta accessori, che ora è fissata con quattro viti (al posto di tre), ed è dotata di due molle, che migliorano di molto il sistema di tenuta degli accessori stessi. All’interno, invece, vengono apportate migliorie al gruppo otturatore e di trascinamento della pellicola, dotandoli, ora, di cuscinetti a sfera, che rendono più dolce e silenzioso l’uso della fotocamera.